L'affaire dei veleni

Parigi, 1672. Uno scoppio rimbomba nell’aria proprio mentre il luogotenente generale di Polizia Gabriel-Nicolas de la Reynie si trova nell’albergo in cui risiede Jean Baptiste Gaudine de Saint-Croix per indagare sul suo conto. Una volta fatta irruzione nella camera di quest’ultimo, ne rinviene il cadavere immerso nelle esalazioni di sostanze sospette, sicuramente velenose. Tra i suoi effetti personali trova un plico contenente trentaquattro lettere scrittegli dalla marchesa di Brinvilliers e delle compresse di arsenico.

Eugéne Malpart, collaboratore di Reynie, indaga sulla provenienza del veleno: a fornirlo è stata la farmacista Cristophe Gleser; dopo un lungo interrogatorio, scopre che la donna oltre ad essere una delle amanti di Saint-Croix, gli avrebbe fatto ottenere senza alcuna prescrizione delle pastiglie di arsenico. È evidente che qualcuno ha paura, ci sono dei fatti che vanno assolutamente tenuti nascosti. Un alone di mistero e perversione sembra aleggiare attorno all’alta società parigina. Quale sarà il segreto da custodire a costo della vita?

Francesco Gioia

Francesco Gioia (1964) è nato a Taranto e vive a Bologna. Laureato in Economia alla Bocconi di Milano, ha una moglie, una figlia e una irriducibile passione per la storia, la lettura e la scrittura. L’affaire dei veleni è il suo secondo romanzo.

Potrebbero piacerti anche

Prodotti correlati

Adesso giochiamo

Adesso giochiamo

Massimo Fusai
Occhio per occhio

Occhio per occhio

Fabrizio De Sanctis
La giustizia dell'avvoltoio

La giustizia dell'avvoltoio

Maria Lucia Martinez