Tra due mondi. Il dibbuk

In una cittadina immaginaria chiamata Brinits e in un’epoca imprecisata, Khonen, giovane forestiero e studente di una scuola talmudica, si innamora di Leye, unica figlia del ricco vedovo Sender; consapevole però che la propria condizione di povero non gli permette di aspirare alla mano dell’amata, il giovane si dedica a studi cabalistici occulti smarrendo la ragione e la retta via. Il dibbuk è un’opera sulla potenza del desiderio represso e irrealizzato; è il racconto di una lotta titanica contro i limiti della condizione umana e una cronaca dell’ineluttabile sconfitta.
Una storia d’amore tragica e immortale come Romeo e Giulietta di William Shakespeare.
La testimonianza vibrante di un mondo perduto – quello delle comunità yiddish dell’Europa Orientale – che sarebbe stato spazzato via in maniera violenta nel giro di pochi decenni.
Un’opera letteraria di valore indiscutibile.

Sh. An-ski

Sh. An-ski nacque il 27 ottobre 1863 con il nome Shloyme Zanvl Rappoport. Fu drammaturgo, poeta, narratore, giornalista, etnografo, oltre che operaio e attivista politico. Morì l’8 novembre 1920, prima di poter vedere rappresentato il suo capolavoro al Teatro di Varsavia.

Potrebbero piacerti anche

Il sigillo perduto del papa

Il sigillo perduto del papa

Andrea Bolognesi
La sposa del capitano
Il codice dell'imperatore

Il codice dell'imperatore

Annalisa Canestrelli

Prodotti correlati

Augusta Raurica

Augusta Raurica

Dario Galimberti
Operazione Perseo

Operazione Perseo

Rocco Papa
Amori e segreti di donna Esmé
Omicidio in Vaticano

Omicidio in Vaticano

Rita Garzetti
Il sentiero del serpente

Il sentiero del serpente

Stefano Attiani
Il codice proibito

Il codice proibito

Mario Esposito Guido