La figlia della ricamatrice

New York, 1925. Benedetta è cresciuta in fretta, ma è solo una ragazzina la prima volta che incrocia gli occhi di Michele sulla banchina del porto dove una volta al mese arrivano gli immigrati dall’Italia. Sono occhi profondi come quelli che vorrebbe su di sé per non sentirsi insignificante per una volta. Le piacerebbe essere come Maria, la figlia della vicina che da qualche tempo ha iniziato a cucire a cottimo con lei e la madre: Maria è bella, sicura di sé, sa quel che vuole e come ottenerlo. Benedetta è rimasta subito soggiogata dal suo fascino e ne sente un bisogno quasi fisico che non sa spiegarsi e non può confidare a nessuno. Non al fratello che non perde occasione per ricordarle quanto sia brutta e strana, né alla madre che quando la sorprende pensierosa a fissare il vuoto con l’ago sospeso tra le dita si limita a ricordarle che “più cuci, più guadagni”, come se la vita fosse tutta lì e ogni attimo per sé fosse sottratto al lavoro, o forse proprio perché intuisce la pericolosità dei sogni della figlia.
Benedetta sembra acconsentire, si adegua al suo ruolo, si fidanza, si sposa con un buon partito scelto dalla madre, finché non scopre di poter essere Benedetta e Maria allo stesso tempo e magari di poter ritrovare quegli occhi che non ha mai dimenticato. Ma quanto a lungo possono convivere due anime così diverse nella stessa persona? Quanto si può fingere o mentire prima che sia troppo tardi?
Dall’autrice del Codice dell’Imperatore, un nuovo indimenticabile ritratto di donna, una grande storia d’amore, un romanzo sulle sorprese che la vita ci riserva quando non smettiamo di credere nel potere dei sogni e delle parole.

Annalisa Canestrelli

Annalisa Canestrelli è nata a Roma e vive a Milano con il marito, due figli e due gatti. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali, ha sempre coltivato la passione per l’Arte e la Storia. Il codice dell’imperatore è il suo primo romanzo.

Potrebbero piacerti anche

Prodotti correlati